LO SCAVO DI VIA FONDAZZA A BOLOGNA

Model Girl



 

 

Dopo più di trenta anni, ossia quando nel 1985 venne aperto lo scavo archeologico in via Fondazza ai numeri civici 29-31 in centro storico a Bologna, con questa pubblicazione si intende dare conto delle ricerche condotte dall’allora Soprintendenza Archeologica dell’Emilia Romagna in occasione dei lavori di ristrutturazione edilizia, con sbancamento di fondazione, di un vecchio stabile.

Da allora lo scavo di via Fondazza è rimasto sostanzialmente inedito, fatti salvi i due elementi monumentali decorati che sono stati trattati varie volte a proposito dell’Orientalizzante bolognese e delle problematiche ad esso connesse.
Nell’ultimo quinquennio, fortunatamente la Soprintendenza (oggi Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna, e le Province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara/Sezione Archeologia) ha dato avvio alla sistemazione dei depositi e dei reperti conservati nei propri scantinati e successivamente ha programmato l’edizione di una serie di studi e ricerche su Bologna nell’età del Ferro.

Diana Neri